Indie GamesLatest NewsPC & TechSpecialiVideogiochi

Speciale Indie – Prodigy

Di recente è stato annunciato l’inizio di una campagna Kickstarter per Prodigy, titolo indie in grado di far parlare subito di se, grazie ad alcune idee uniche e a certe trovate piuttosto interessanti. Il progetto dei francesi Hanakai Studio inizierà la raccolta di fondi sulla nota piattaforma di crowdfunding il prossimo 2 aprile, ma sono già disponibili alcune informazioni oltre a video e screenshot ufficiali.

Innanzitutto, Prodigy si presenta come un mix inedito tra un board-game, un card-game e un videogioco. Avremo a disposizione una base digitale, simile al portale della serie Skylander, sulla quale sarà possibile collocare una miniatura che trasporterà il personaggio rappresentato all’interno del gioco. Il genere scelto è tuttavia differente rispetto all’action già visto nella fortunata saga di Activision, si tratterà infatti di uno strategico a turni molto più simile al recente HeartStone di Blizzard. Oltre ai pupazzi avremo a disposizione 8 carte che corrispondono alle mosse effettuabili dal nostro personaggio, come ad esempio attacco, difesa, mente o focus. I nostri personaggi si dividono in tre categorie ancora non definitive: Guardian, Watcher e Companion, tutte e tre con punti di forza e debolezze in diversi campi, ad esempio il Guardian sarà molto forte in difesa e il Watcher avrà un potere d’attacco superiore. L’azione su schermo si baserà sul posizionamento della nostra miniatura sulla base digitale, suddivisa in una griglia di 12 caselle per tre linee. Trattandosi di combattimenti a turni, la strategia e il movimento su questa scacchiera saranno fondamentali, visto che solo su alcune linee specifiche sarà possibile attaccare l’avversario mentre su altre potremo solo difenderci dagli assalti. A detta degli sviluppatori poi, il numero massimo di statuette per giocatore si aggira intorno alle 7 – 9 per parte, un numero considerevole che potrebbe portare a lunghe sessioni di gioco, in quanto vincerà chi per primo sconfigge tutte le pedine dell’avversario. Altra feature interessante è che durante una partita non avremo bisogno di nient’altro che della base digitale, delle carte e delle statuette, ogni controllo, fosse anche la navigazione dei menu, dovrebbe avvenire direttamente tramite la piattaforma di gioco collegabile via cavo USB al nostro PC. Quanto mostrato finora è decisamente promettente, e pare creato appositamente per un pubblico competitivo che strizza l’occhio al mondo dei tornei, infatti nel bundle base, oltre alla tavola digitale, le carte e tre miniature, troveremo il Power Ring, un anello che interagisce con qualsiasi piattaforma di gioco e in grado di memorizzare tutti i dati del nostro profilo e trasferirli su altre macchine. Le statuette, che portano la firma di Jean Bey, sembrano di buona fattura e saranno in grado di salvare i progressi effettuati con quel determinato personaggio che potrà aumentare di livello con un utilizzo costante. Per quanto riguarda il lato tecnico, il gioco sfrutta l’Unreal Engine, riproducendo e animando le varie statue, per quanto visto, in maniera più che soddisfacente.


Gli unici dubbi riguardano il prezzo e la piattaforma scelta per questo progetto. Per quanto riguarda il costo, i programmatori assicurano che il tutto sarà venduto a un prezzo estremamente competitivo, mentre, a nostro avviso, la scelta di sviluppare un gioco del genere esclusivamente per PC potrebbe non trovare un pubblico abbastanza ampio, vedremo come andrà a finire la campagna di finanziamento e se verrà eventualmente esteso il numero di macchine da gioco supportate.

Previous post

Through the Maelstrom Disponibile Per FF XIV Realm Reborn!

Next post

Square Enix Svende su Humble!

Stefano Gualandris

Stefano Gualandris

1 Comment

  1. 27 marzo 2014 at 20:43 — Rispondi

    Caspita non mi eccitavo cosi dal video di presentazione di Ruse.. ero già pronto a spendere migliaia di euro per quel tavolo da gioco interattivo 🙂

Rispondi