Latest NewsPC & Tech

Eve Online: Una Battaglia Epica da 200.000$

Non c’e dubbio che Eve Online sia un gioco che ha conquistato una popolarità internazionale, grazie al suo stile di gioco in stile HomeWorld ed alla sua massa critica di giocatori affezionati, che lo rendono un ambiente unico dove poter esplorare le proprie tattiche ed affinare le proprie strategie.

Ieri all’interno di questo universo, e’ successo qualcosa di unico e mai accaduto in precedenza, che ne fa capire le potenzialità di questo gioco e ci da la possibilità di fare alcuni paragoni con il mondo reali. Infatti ieri e’ avvenuta la più grande battaglia tra fazioni, di una grandezza tale che ha sorpassato ogni record precedente (anche la superbattaglia avvenuta ad Halloween), che ha presentato alla fine un conto di oltre 200.000$. Infatti oltre 70 navi Titan sono state distrutte e per un totale di qualche trilione di ISK (la moneta che potete trovare su EVE-Online) di danni. Il calcolo dei danni, è stato fatto calcolando il numero di ore che è necessario per costruire una nave Titan, che ha un prezzo che varia tra i 3.000$ ed i 5.000$.

Alcuni che hanno vissuto la battaglia in prima linea, hanno confermato il fatto che la battaglia non ha avuto nulla di organizzato, ma la sua nascita è stata del tutto casuale. Infatti da quanto si è capito uno scout ha trovato una vulnerabilità all’interno di un sistema, avvisando così gli altri compagni che sono corsi alla sua conquista. Questa corsa ha a sua volta scatenato una reazione a catena che ha provocato una battaglia Epica.

Sicuramente la CCP, la casa islandese produttrice del gioco sarà contenta, sia di quanto questo gioco stia riscuotendo successo, sia del fatto che gli utenti dovranno ricominciare a a ricostruire la flotta.

Previous post

Infografica - World Of Warcraft da Record

Next post

Annunciato Tropico 5 su PS4

Edward Phoenix

Edward Phoenix

Padre, Marito, Markter e Fondatore di Gamers.it
Cresciuto a suon di FPS e Giochi di Strategia cerca sempre di trovare la qualità in tutte le cose che fa!

No Comment

Rispondi