Latest NewsTech

Il progetto Steam Machines rimandato al 2015

Valve rinvia il progetto Steam Machines

Ormai è un dato di fatto che l’interesse per quella che al primo impatto sembrava potersi imporre come una vera e propria rivoluzione attuata da parte di Valve, sia rapidamente venuto meno. Le prove dello Steam controller che possiamo leggere in giro sono tutt’altro che lusinghiere e le Steam machines non sono sicuramente quello che tutti si aspettavano, ma solo dei PC con case di dimensioni ridotte (ma anche lì dipende da caso a caso) “da salotto” dal prezzo neanche troppo allettante, munite di un sistema operativo linux-based (e quindi gratuito ed open source) dedicato al gaming, SteamOS, che fa il suo dovere egregiamente ma che allo stato attuale non garantisce una compatibilità all’altezza con la grande libreria Steam disponibile per piattaforma Windows.

Valve però non sembra essersi persa d’animo ed è più che mai decisa a portare avanti il proprio progetto fino alla fine, e per farlo ha deciso di fare l’unica cosa che è possibile fare in questi casi per scongiurare il flop: rimboccarsi le maniche, chiedere quanto più feedback possibile a tutte le tipologie di giocatori, dagli hardcore ai casual gamer, e migliorare la propria offerta di conseguenza. Tale processo però, come è facilmente intuibile, richiede tempo, cosa che con tutta probabilità porterà il progetto di Valve ad essere rimandato al 2015.

Noi speriamo che questo tempo in più a disposizione possa veramente aiutare Valve a migliorare sensibilmente il suo progetto di ecosistema, sia dal punto di vista prettamente tecnico che dell’offerta all’utente finale. Attualmente sembra una serie di buone idee sviluppate male e in fretta.

Previous post

Battlefield Hardline, primi dettagli

Next post

Recensione - Watch Dogs

Edward Phoenix

Edward Phoenix

Padre, Marito, Markter e Fondatore di Gamers.it
Cresciuto a suon di FPS e Giochi di Strategia cerca sempre di trovare la qualità in tutte le cose che fa!

No Comment

Rispondi