PC & TechPlaystationPS4XBOX

Prepariamoci all'uscita di…Watch Dogs

Dopo vari rinvii pare che nella prossima primavera potremo finalmente avere tra le mani la nuova avventura targata Ubisoft. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su Watch Dogs, uno dei titoli più attesi di questo 2014 che promette di essere il primo vero gioco “next-gen”.

Vigilante moderno
In una Chicago completamente automatizzata vestiremo i panni di Aiden Pearce, hacker geniale ed ex criminale che in seguito a un passato turbolento e ai guai con la legge è rimasto vittima di una violenta tragedia familiare. Ciò ha trasformato il nord-irlandese in un vigilante con l’obiettivo di controllare la città e vendicarsi dei responsabili dell’attacco ai suoi cari. Questo per ora è ciò che sappiamo riguardo al background del nostro protagonista, mentre lo sviluppo della storia e dei personaggi sono ancora avvolti dal mistero. Aspettiamo fiduciosi ulteriori notizie in questo ambito. L’ambientazione e quanto di buono visto nei vari video lasciano presagire una narrativa molto curata e ispirata.

Una Chicago da scoprire
Per quanto riguarda la giocabilità, il titolo si presenta come un free-roaming simile a Grand Thief Auto con un enfasi particolare data alle fasi di hacking dei sistemi della città. Tra le varie funzioni viste fin’ora, le più interessanti riguardano la capacità di controllare vari mezzi (treni, sollevatori, telecamere, ecc.) con i quali potremo arrivare in zone prima inaccessibili oppure utilizzarli per aiutarci durante una fuga. Inoltre potremo ottenere qualunque informazione sulle persone che ci circondano arrivando addirittura a prelevare denaro dai loro conti correnti in caso di bisogno.
Le missioni potranno essere approcciate in vari modi. Chi apprezza un approccio più “silenzioso”, potrà utilizzare il telefonino di Aiden per hackerare luci e sistemi di sicurezza, evitando di farsi scoprire. Chi invece preferisce non pensare troppo ma agire, potrà fare irruzioni dalla porta principale, dando il via a sparatorie, pestaggi e inseguimenti in auto (questi una garanzia, visto che gli sviluppatori sono gli stessi della serie Driver). L’esplorazione a detta dei programmatori sarà un elemento importante nelle dinamiche di gioco e pare vi sarà un sistema di generazione casuale di missioni secondarie. Un’altra funzione particolarmente interessante sarà il sistema di “reputazione”, che andrà ad influire in modo più o meno negativo sulla trama e sul comportamento dell’I.A nei nostri confronti.

Un’app per controllarli tutti
Per quanto riguarda il comparto multiplayer i programmatori hanno parlato solamente di due modalità. Nella prima si avrà la possibilità di invadere il mondo di un altro giocatore con lo scopo di hackerarlo per recuperare dati sensibili e riuscire poi a scappare. Nella seconda invece, tramite l’utilizzo di un tablet/smartphone e della relativa applicazione gratuita, potremo sfidare gli amici che giocano su console. L’utilizzatore dell’app guiderà le forze dell’ordine e i sistemi di sicurezza della città per trovare il proprio bersaglio mentre la controparte dovrà completare una serie di obiettivi entro un tempo limite.

Io posso e tu?
Watch Dogs è in uscita sia su next-gen che su current-gen e le differenze tra le due versioni paiono evidenti. Il nuovo motore grafico Disrupt sfrutta al meglio la maggiore potenza di calcolo di XboxOne e Playstation 4 permettendo un’esplorazione maggiore degli edifici e una qualità delle texture elevata. Replicare tutto questo su console che hanno ormai quasi otto anni di vita è quasi impossibile, speriamo che il prodotto finale su X360 e PS3, nonostante tutto, sia comunque valido.

Cosa ci aspettiamo:
-Una storia avvincente con un protagonista all’altezza
-Un mondo vivo che reagisce in modo coerente alle nostre azioni
-Una città vasta tutta da esplorare
-Delle missioni diversificate che permettano vari approcci
-Un comparto tecnico veramente next-gen

banner_amazon

Previous post

Prepariamoci all'uscita di... Castlevania: Lords of Shadow 2

Next post

LoL eSports: Lcs Nord-Americano

Riccardo Castiello

Riccardo Castiello

No Comment

Rispondi