AnteprimeLatest NewsPC & Tech

Prime Impressioni: Wildstar Beta

wildstar logo

Wildstar è il titolo del nuovo mmo sviluppato da Carbine Studios e pubblicato da NCSOFT. Dopo un primo annuncio avvenuto ormai due anni fa, finalmente il gioco sembra pronto a conquistare i cuori di tutti gli appassionati con una serie di novità per il genere.

Nozioni di storia
Nexus è il pianeta dei leggendari Eldan, razza molto potente e tecnologicamente all’avanguardia che scomparve in maniera del tutto misteriosa dalla galassia ormai mille anni fa. Per secoli i ricercatori e gli avventurieri hanno cercato invano questo mondo. Ora che è stato trovato tutti nell’universo vogliono andare alla ricerca dei suoi molti misteri e dei suoi tesori nascosti.
Il Dominion, potente impero galattico, ha reclamato il pianeta e tutto quello che si trova su di esso dichiarando guerra ai mercenari, ribelli e rifugiati, chiamati Exiles, che scoprirono Nexus e che adesso lo considerano la loro casa. E’ nel mezzo di questi crescenti conflitti che si svolgerà l’avventura di Wildstar. Nonostante la trama decisamente “seriosa”, l’atmosfera che si respira nelle varie zone e durante i dialoghi, danno al titolo un’aria scanzonata. Spesso ci ritroveremo a ridere di fronte agli avvenimenti e alle richieste delle quest.

Scienziato o Soldato?
Appena entrati in gioco dovremo decidere la fazione che preferiamo e di conseguenza una delle razze disponibili. Per chi dovesse aderire al Dominion la scelta sarà tra Cassian, Draken, Chua e Mechari. Mentre per chi entrasse a far parte degli Exiles si troverà a dover scegliere tra Human, Granok, Aurin e Mordesh. Come di consueto anche in questo mmo non manca la suddivisione in classi che vanno dal tipico Warrior, guerriero con armature pesanti e spade a due mani, fino ad arrivare all’Esper, combattente dotato di armature che offrono poca protezione e che utilizza poteri psichici per i suoi attacchi. Le altre classi disponibili sono Spellslinger, Stalker, Medic ed Engineer. Dopo aver scelto quella che preferiamo, ci verrà chiesto di decidere a quale Path aderire. Questi “sentieri” sono: Soldier, Explorer, Settler e Scientist. Ognuno di questi ci offre un diverso modo di approcciarsi al mondo che ci circonda, infatti avremo obiettivi e missioni secondarie personalizzate in base alla nostra preferenza. Se siete quel tipo di giocatore che adora andare in giro per la mappa a distruggere tutto e tutti allora la scelta da fare è quella del Path del Soldier, dove appunto gli incarichi saranno sempre incentrati sul combattimento. Mentre per chi preferisce esplorare e scoprire i segreti di grotte o arrivare in cima ad alte montagne, allora siete proprio degli Explorer. Per chi preferisce cercare nuove specie di animali o informazioni sulla storia del pianeta lo Scientist è il sentiero che fa per voi. Ultimo ma non meno importante troviamo il Settler, che come mansione avrà quella di costruire nuovi hub di progressione nelle varie zone visitate. Insomma ne abbiamo per tutti i gusti, ma attenzione a fare la scelta giusta, in quanto una volta deciso il proprio “sentiero” non si potrà più cambiare idea.

Gloriosa evoluzione
Nella nostra prova abbiamo utilizzato il Medic, classe molto particolare, che, come arma, utilizza due defibrillatori che creano dei campi dannosi per i nemici o benevoli per gli alleati. Il tutto continuando a muoversi. Proprio il movimento è il fulcro centrale del combattimento in Wildstar, infatti il sistema è totalmente diverso da altri MMO quali WoW o Aion, infatti non avremo il target a cui i nostri colpi saranno automaticamente sparati. Tutte le abilità delle classi hanno una determinata area di effetto all’interno della quale il colpo va a segno e lo stesso vale per i mob che vorranno colpirci: l’area rossa che vedremo per terra significa danno, quindi va evitata. Per farlo avremo a disposizione la schivata come nei giochi d’azione. Gli scontri PvE, ma soprattutto quelli PvP, saranno davvero frenetici e divertenti, scordatevi la staticità anche negli scontri più semplici. Il sistema di combattimento è molto simile a quello gia visto in Tera ma senza la possibilità di lockare (bloccare) la telecamera sul bersaglio. Uccidendo i nostri nemici e completando le missioni otterremo esperienza necessaria a salire di livello. Il sistema di crescita del personaggio è unico, in quanto avremo da gestire i Punti Abilità e gli AMP. I primi servono per potenziare le abilità, mentre i secondi forniscono bonus passivi al personaggio e agli attacchi, in maniera simile ai talenti visti in altri giochi. I Punti Abilità disponibili non bastano ad aumentare di livello tutte le abilità ma dovremo scegliere in maniera accurata quali potenziare e soprattutto quali tenere attive. Scordatevi le Action Bar su tutto lo schermo con decine e decine di icone, infatti in Wildstar si possono avere solo otto abilità attivabili per volta. Questo rende la scelta davvero ardua ad alti livelli dove dovremo testare ogni setup pensato per verificare se può funzionare in una determinata situazione o no.

Creed o non Creed, ecco la questione
L’uscita ufficiale del gioco è stata fissata al 3 giugno 2014 e il preorder si potrà effettuare dal 19 marzo. Il sistema di pagamento di Wildstar prevede l’acquisto del titolo e un successivo abbonamento mensile dal costo di 12.99€. Qui possiamo notare l’intenzione da parte degli sviluppatori di provare un nuovo sistema di abbonamento che si distacchi dal classico. Infatti per chi non volesse spendere denaro reale per continuare la sua esperienza online, sarà possibilie acquistare con la valuta del gioco il C.R.E.D.D, un oggetto consumabile che allunga di un mese il proprio abbonamento. Vi starete chiedendo dove si potrà acquistare questo fantastico item, il problema secondo noi è qui…il C.R.E.D.D lo si può trovare in vendita solo se un altro giocatore lo ha comprato al prezzo di 16.99€ e lo ha messo all’asta per guadagnare la valuta del gioco. Questo è stato fatto per cercare di arginare il problema della compra-vendita di crediti di gioco con denaro reale e rendere queste transazioni più sicure, ma bisogna vedere se i giocatori vorranno spendere quei 17 euro per guadagnare del credito in game.

Fantasy sci-fi
Tecnicamente Wildstar è un buon titolo, con ambientazioni curate e personaggi ben fatti, la grafica è in stile cartoonoso ma molto efficace. La scelta di utilizzare paesaggi a metà strada tra il fantasy classico e il futuristico è decisamente azzeccata e non fa strano vedere giocatori brandire asce giganti di fianco ad altri armati di fucili laser e pistole. Il sonoro è ricco di musiche adatte alle varie zone o dungeon e il doppiaggio inglese è di ottima fattura.

Commento personale
Wildstar è un incrocio tra un MMO e un Action Game e da quello che ho potuto provare è davvero divertente e ricco di personalità con combattimenti rapidi e mai noiosi. Il titolo ha le carte in regola per essere un grande successo, unica pecca l’abbonamento mensile in un periodo dove il free-to-play regna sovrano.

Previous post

Intel Extreme Masters World Championship - Risultati

Next post

Nuovo Video UFC

Federico Donnaloia

Federico Donnaloia

No Comment

Rispondi