GiochiPC & TechRecensioniVideogiochi

Recensione – Monochroma (PC)

I progetti videoludici che vedono la luce tramite Kickstarter spuntano ormai come funghi. Non è un eccezione il titolo che ci accingiamo a recensire: Monochroma (disponibile su PC & MAC). Il progetto su kickstarter, si prefiggeva il raggiungimento di 80.000$ entro Dicembre 2013 ma gli ideatori sono invece riusciti ad ottenere ben 84.000$ già a fine Agosto. Al titolo, sviluppato dalla Nowhere Studio e lanciato ufficialmente il 28 Maggio 2014, ha lavorato un team costituito da una quindicina di persone circa. Ricordiamo che la Nowhere Studio è una software house indipendente con sede ad Istanbul , instaurata nel 2010 e debuttante appunto con il titolo in questione.

I due fratelli

Il gioco ha un’ambientazione chimico / industriale e viene collocato all’interno di una realtà alternativa degli anni 50 dove un’enorme e spietata compagnia, vende degli strani robot domestici per i cittadini di una città fantastica. Ci caliamo nei panni del maggiore di due fratelli: nella notte in cui nostro fratello viene ferito mentre gioca con un’aquilone (all’inizio del gioco), andiamo in giro in cerca di aiuto ma, a causa di una tempesta man mano che procediamo ci ritroviamo in un magazzino dell’azienda costruttrice di robot, dove scopriamo un terribile segreto. Data la natura melanconica e “dark” del gioco, la maggior parte degli enigmi sono incentrati giochi di luce e buio: il fratello più giovane ha paura del buio quindi il giocatore, che impersonifica appunto quello maggiore, può adagiarlo a terra solamente quando si trova in prossimità di zone illuminate in modo da essere in grado di saltare più in alto e muoversi più velocemente, ma non può lasciarlo indietro proprio come accadrebbe nella vita reale.

 

 

Vedo nero

Monochroma, come suggerisce appunto il nome del gioco, ruota interamente attorno ad un mondo delineato da sfumature di grigio, interrotte talvolta da sprazzi di rosso, prima fra tutti la sciarpa rossa e svolazzante del nostro protagonista. Non è sicuramente una novità, basti pensare a Limbo o Betrayer, ma parliamo comunque di un puzzle platform a scorrimento orizzontale abbastanza singolare. Il gioco vanta delle location molto realistiche e dei puzzle fortemente legati alla fisica, alcuni dei quali però eccessivamente macchinosi e che portano inevitabilmente ad un senso frustrazione del giocatore. Un’ulteriore peculiarità di questo titolo è la capacità di descrivere la storia senza l’utilizzo di parole né scritte né parlate, ma semplicemente con il sapiente utilizzo di visuali intense ed emozionanti. La grafica è sicuramente sempre all’altezza della situazione, i riflessi d’acqua grazie agli shaders sono resi molto bene e molto belle sono anche le animazioni piuttosto realistiche. Inoltre, grazie alla leggerezza del motore grafico, il gioco procede sempre in modo fluido anche con computer meno performanti (come confermano i requisiti minimi riportati qui di seguito). Non convincono invece le animazioni del personaggio principale che appare “robotico” un po’ in tutte le azioni che compie.  Anche i controlli non sono dalla nostra: spesso capita di rimanere bloccati o di non riuscire a risolvere i vari puzzle che ci vengono proposti, proprio a causa dei comandi (durante le nostre prove abbiamo utilizzato una tastiera gaming come periferica di input). Il comparto audio è veramente eccezionale ed avvolgente, le musiche dinamiche e gli effetti sonori quali vento o temporali, contribuiscono a proiettarci all’interno del gioco con un certo realismo. La longevità del titolo dovrebbe attestarsi attorno alle 5-6 ore.

Monochroma è disponibile esclusivamente per PC Windows, Linux e Mac a partire dal 28 Maggio 2014 ed acquistabile per appena 17,99€ su Steam. Accedendo invece al sito web ufficiale, è possibile scaricare gratuitamente una demo del gioco.

 

I requisiti hardware e software per PC sono i seguenti:

 

Minimi Raccomandati
Sistema Operativo: XP o successivo
Processore: 2GHz o superiore
Memoria: 2 GB RAM
Grafica: Scheda video con supporto Shader 3.0,
DirectX: Versione 9.0
Hard Drive: 4 GB di spazio disponibile
Scheda Audio: Compatibile Direct X 9
Sistema Operativo: XP o successivo
Processore: Core 2 Duo 2GHz o superiore
Memoria: 2 GB RAM
Grafica: Scheda video con supporto Shader 3.0 da 512 MB o superiore
DirectX: Versione 9.0
Hard Drive: 4 GB di spazio disponibile
Scheda Audio: Compatibile Direct X 9

Screenshots del gioco (versione PC 1080p)

 

Previous post

Steam: Affare del Fine Settimana

Next post

Sony: un annuncio all'E3 dal suo nuovo team Pixel Opus

Tony Bulsara

Tony Bulsara

No Comment

Rispondi