GiochiRecensioniVideogiochiWiiU

Recensione – Super Smash Bros. for Wii U

Poche ciance: Super Smash Bros. For Wii U merita i pieni voti.

Non è stata una decisione facile, abbiamo aspettato tanto a dare il giudizio finale, ma ne siamo sicuri.

Soprattutto dopo aver giocato in otto persone, usando come controller il pad della wii u, il controller classic pro, il wiimote, il 3DS e il controller del gamecube. E inserendo come ottavo giocatore un Amiibo a livello 50. Kirby, per la precisione.

Dopo 40 ore di gioco.

Non c’è dubbio: questo è un gioco generazionale che salverà Nintendo, ancora una volta dimostratasi un passo avanti a tutti, seppur con scelte difficili o poco condivisibili, seguendo il proprio tracciato con testardaggine ma dall’altro lato insistendo a voler proporre prodotti videoludici di qualità altissima: non a caso anche per questo Smash Bros. è stata data carta bianca a quel perfezionista di Sakurai che ha confezionato un gioiello curato sin nei minimi dettagli.

 

 

I controlli sono perfetti su ogni tipo di controllo e offrono a qualsiasi livello di gamer, dal novizio al super-pro, il set-up più adatto.

I personaggi sono tutti super-bilanciati, al punto che faticherete a trovare il vostro preferito: dove un character è carente, è più forte in tutto il resto, e se cercate una caratteristica specifica che si adatti al vostro stile di gioco, la troverete in almeno cinque personaggi del roster. Persino Dark Pit è diverso da Pit, e la differenza si percepisce!

La curva di apprendimento è ben supportata dalle varie modalità e man mano che prenderete confidenza vi troverete a giocare per ore dicendovi: “Ancora uno smash… Ancora uno!”. In fondo non è questa la vera anima del videogioco, costruire passo dopo passo un esperienza gratificante e, ammettiamolo, fine a sé stessa (e per questo particolarmente appagante)?

La grafica è ai massimi storici, vorrete mettere in pausa in ogni momento per guardare la vostra azione da ogni angolo possibile. E provate assolutamente l’editor dei livelli!

Se c’è un motivo per cui vale la pena acquistare entrambe le versioni, sia 3DS che Wii U, è il bonus disc con la colonna sonora, alcune versioni fatte ad hoc per questo titolo sono persino meglio delle originali.

Il gioco inoltre è più che mai disseminato di riferimenti al mondo Nintendo, che non possono lasciare indifferente nemmeno il detrattore più accanito. Giocandolo mi tornava in mente mia nonna quando ha mangiato il suo primo hamburger da Burger King, addentandolo ha detto: “Buono, ma qui c’è dentro tutto! Ma c’è dentro anche la frittata?”. Strumenti, assistenti, comprimari, trofei, è l’esempio di internal branding definitivo, aziende come Coca-Cola e Ikea dovrebbero imparare.

 

 

Ma il vero motivo per cui Super Smash Bros. for Wii U è un titolo imprescindibile è il multiplayer. Ad oggi non c’è un gioco così ricco di possibilità e così trasversale da fare in otto amici. Le modalità sono tutte strepitose e le possibilità sono pressoché infinite.

Per concludere gli Amiibo (a breve arriverà la recensione dei primi 12 provati su tutti i giochi disponibili al momento) sono la ciliegina sulla torta e la dimostrazione ennesima della grande attenzione di Nintendo all’aspetto tecnologico dell’intrattenimento.

In passato siamo stati sempre molto attenti a non sbilanciarci con i giudizi. Anche stavolta non sta accadendo. Questo 100% è meritato.

Ora lasciateci in pace che vogliamo tornare a giocare.

Editor's Rating

Gameplay 100%
Carisma 100%
Longevità 100%
Grafica 100%
Sonoro 100%
Multiplayer 100%
100
tengami_review_featured
Previous post

Recensione - Tengami: il bel gioco dura poco

fighting_climax_review
Next post

Recensione - Dengeki Bunko Fighting Climax

Francesco Roggero

Francesco Roggero

No Comment

Rispondi