AnteprimeGiochi PCLatest NewsPC & TechVideogiochi

Ryse: Son of Rome PC 4k

Molto si è detto e visto negli ultimi anni del nuovo fantomatico motore grafico della Crytek: il CryEngine (evoluzione del CryEngine 3). Il primo vero esempio di grafica next gen è stato Crysis 3 che utilizzava la precedente versione del motore, ma è con il recente lancio di Ryse Sons of Rome per PC che possiamo apprezzare appieno le superbe qualità del nuovo motore Crytek. In questa sede non ci dilungheremo particolarmente sui dettagli del gioco, che è peraltro già stato trattato in questa RECENSIONE, vogliamo però condividere le nostre impressioni sull’esperienza di gaming su PC.

Trailer Ufficiale 4k PC

 

 

Come possiamo notare dallo screenshot dei settaggi del gioco (qui di seguito), noi di Gamers.it abbiamo voluto provare Ryse nel suo massimo splendore: in 4k.

Ryse settings

 

La potenza smisurata dei PC di ultima generazione ed in particolare delle GPU sempre più accessibili e potenti, ha reso disponibile la grafica next gen anche su PC precedentemente considerati di fascia bassa. E’ pur vero che per abilitare la grafica in 4k sugli ultimi titoli, non basta solo una scheda grafica potente e di ultima generazione (vedi HDMI 2.0 per usare la risoluzione 4k a 60hz) ma anche un TV che riesca a stare dietro a tale potenza. Fortunatamente negli ultimi mesi i prezzi delle TV 4k, stanno man mano soppiantando quello dei top di gamma da FHD, vediamo ad esempio modelli da 40″ di LG e Samsung (40UB800v o ue40hu6900) disponibili al di sotto dei 600€.

Molto si è detto su Ryse, della sua scarsa interattività con l’ambiente, della limitata libertà del player, della giocabilità migliorabile, del sistema di controllo discutibile,  ma sicuramente nulla si può dire del motore grafico che è risultato sempre eccellente attestandosi su livelli mai visti prima d’ora su PC.  Sin dalle primissime sequenze del gioco, capiamo di trovarci di fronte ad un capolavoro indiscusso in termini grafici: tanto per cominciare, la renderizzazione dell’antica Roma è da togliere letteralmente il fiato. Luci, ombre, fumo acqua, tutto si muove sullo schermo senza alcun tentennamento e con una grafica sorprendentemente realistica tanto da non riuscire a distinguere le sequenze “in game” da quelle renderizzate in CG.  Ma è quando ci caliamo nei panni del protagonista principale, il legionario Marius Titus, che possiamo osservare i dettagli messi a disposizione dal motore grafico: tutto viene renderizzato alla perfezione, dall’armatura modulare ed intarsiata del legionario che reagisce in modo diverso a seconda dei movimenti o dei colpi, alle espressioni facciali con tanto di sudore o le spettacolari sequenze di uccisione dei barbari. In alcune sequence ci vediamo bombardati mentre viaggiamo in nave ed anche in questi casi possiamo godere di una grafica estremamente efficace: il vento soffia nelle vele con incredibile realismo, fuoco fiamme e fumo sono incredibili, la distruzione della nave mostra innumerevoli detriti e particelle che interagisticono in modo molto convincente grazie al motore fisico, forse un po’ meno realistica è la renderizzazione dell’acqua che risulta essere un po’ “piatta” rispetto al resto.

Sebbene Ryse: Son of Rome sia stato per diverso tempo un’esclusiva per Xbox, riteniamo che il porting su PC può essere considerato un successo. Il gioco riesce, in questa incarnazione per computer, a sfruttare egregiamente le potenzialità dell’hardware su cui viene installato, grazie ad effetti grafici di ultima generazione e che include regolazioni per il Supersampling e il Temporal Anti-Aliasing, così come un utilizzo sapiente del Motion Blur, della fisica, animazioni e comunque delle ombre e degli shader in generale.La fluidità in FUllhd si è sempre attestata sui 60 frame con tutti i dettagli attivi mentre in 4k (senza AA), abbiamo notato diversi lag specialmente nelle sequenze più movimentate ed impegnative. Il sistema usato è come di consueto costituito da Geforce 770GTX OC + i5 4670k@4500Mhz ma grazie alla scalabilità del gioco, riusciamo a godere di una grafica e fluidità soddisfacente anche su configurazioni hardware non troppo performanti.

Ricordiamo che la versione per PC integra al suo interno tutti e 4 i DLC disponibili fino ad oggi e segnaliamo ai nostri lettori che un paio di giorni fa Crytek ha pubblicato una nuova patch per la versione PC. Si tratta di un aggiornamento molto atteso dall’utenza, poichè ottimizza il funzionamento in SLI/Crossfire e soprattutto garantisce miglioramenti prestazionali e qualitativi ai possessori di schede grafiche NVIDIA. Tra le altre cose, sono stati risolti bug occasionali relativi a risoluzione, frame rate e difficoltà. Steam, rivelerà automaticamente la presenza dell’aggiornamento dando il via a download e all’installazione.

 

Non ci resta che lasciarvi agli spettacolari screenshot in 4k!

 

 

akiba_undead_undressed_featured
Previous post

Recensione - Akiba's Trip: Undead and Undressed

quantum_break_featured
Next post

Quantum Break - Ecco il Video Gameplay commentato

Tony Bulsara

Tony Bulsara

No Comment

Rispondi