GiochiNintendoRecensioniVideogiochiWiiU

Recensione – Zelda, Hyrule Warriors

Le serie dei Musou (Dynasty Warriors, Samurai Warriors e Orochi) non hanno mai riscosso troppo successo (sia commerciale sia di critica) al di fuori dell’arcipelago nipponico. Forse gli episodi più’ apprezzati all’estero sono stati quelli “speciali”, dedicati,  al posto dei classici personaggi della storia cinese e nipponica, a serie di cartoni animati o come è il caso del gioco che vi presentiamo oggi, di classici videoludici. Dopo  qualche episodio di Gundam, un paio dedicati Kenshiro e uno dedicato a One Peace, questa volta è il turno di Zelda a “Musouizzarsi” con tanto di benedizione da parte di Nintendo che stà disperatamente tentando di ampliare la softeca del WiiU.

UN NUOVO GIOCO DI ZELDA

Tutti i fan della serie di Zelda si sentiranno pienamente a casa loro. I ragazzi di Omega Force hanno fatto il massimo per mantenere tutta l’esteriorità e l’estetica della serie. (Pare abbiano  lavorato sotto stretta sorveglianza di guardie Nintendo che avevano l’ordine di sparare a vista in caso qualche programmatore Koei si fosse permesso una qualsiasi “licenza poetica”). A livello grafico il titolo non si riferisce a nessun capitolo della serie in particolare  ma è ottimamente rappresentativo della saga Zelda. Per certi versi ricorda un po i character design di  Toryama in Blue Dragon, ma un po’ più’ spigoloso nei volti. I colori sono molto accesi e le animazioni fluide.  Non si riscontrano particolari problemi di interpolazioni o clipping, a volte frequenti nei titoli “Musou” .

Hyrule-Warriors-Wooden-Sword-4

Gli effetti sono resi molto bene e spesso davvero spettacolari. Quando Link sfodera la spada e colpisce con la “special move” facendo volare per aria 30 o 40 avversari  l’effetto esaltazione è assicurato. Qualche rallentamento c’è ma solo quando lo schermo si riempie all’inverosimile di nemici.

 

MOSOU 100%

Tolto tutto l’aspetto esteriore, la grafica , i nomi etc. il gioco nella sua essenza è un Musou al 100%. Quindi hack’n slash furioso con elementi di strategico. Ad ogni stage abbiamo una missione che consiste di solito, nel conquistare un territorio in mano ai nemici. La mappa dello stage è sempre ben chiaramente visibile sullo schermo in alto a destra. Vedremo, nella mappa tanti puntini rossi, i nemici, raggruppati in zone. Di solito 5 o 6. Si va in una zona si sbaragliano i nemici e la zona si riempirà di puntini blu. (I “nostri”, che pero’ non hanno un intelligenza artificiale particolarmente sviluppata per cui capita delle volte che mentre siamo , per dire nel settore 4 , si venga richiamati da un generale alleato nel settore 2 che sta ricadendo in mano ai nemici. Quindi a tutta velocità bisogna abbandonare il settore che si stava liberando e precipitarsi a salvare i compagni di quel settore in pericolo, pena il game over). Liberati i 5/6 settori dello stage ci attende la sfida col mostro di fine livello che dovremo sconfiggere con qualche arma o qualche gimmick che avremo trovato all’interno dello stage.

hyrule-warriors-39_jpg_1400x0_q85

Ad ogni stage sbloccheremo anche un personaggio nuovo che volendo potremo usare nello stage successivo. Si può giocare in due ma solo in locale. No online, sorry. Tra l’altro giocando in due il primo giocatore, che usa il gamepad del WiiU dovrà usare lo schermo del gamepad per il suo personaggio. Il secondo avrà il tv, ma usare il paddino del Wii è davvero scomodo e poco funzionale.  Sul pad WiiU invece le cose filano liscissime. Due, i tasti d’attacco, x e y. Col tasto A si attiva la “super”, che bisogna pero’ caricare uccidendo tot di nemici. C’è una barretta apposita. Quando diventa tutta gialla sappiamo che possiamo schiacciare A e scatenare l’inferno. Col dorsale destro usiamo le armi (arco , bombe etc.) Il comparto audio del gioco è ottimo e come per la grafica, rispettoso della serie. Ci sono parecchi temi ripresi dai precedenti capitoli della saga di Zelda, ma come al solito per i Musou, riarrangiati in chiave schitarrate rock. (Che ben si adattano del resto al mood frenetico del gioco.)

HAPPY MEAL

Arrivando al dunque, dovendo dare un giudizio finale francamente non ci è possibile parlare male di questo titolo. E’ un gioco tipicamente “Musou” che ormai fà genere a sé e o si ama o si odia. Hyrule Warriors è un “Happy Meal”. Confezionato bene , con tutto al posto giusto , e chi lo compra sà esattamente cosa aspettarsi perché è un prodotto standard con , questo mese, la sorpresa Zelda. Certo ci sono hamburger migliori, più’ grossi, c’ è anche la “fiorentina” (che arriverà il prossimo mese, su WiiU e si chiama Bayonetta) ma ogni tanto può essere piacevole fare un bello spuntino leggero e godersi la sorpresa nel pacchettino.

Editor's Rating

Gameplay 75%
Storia 50%
Carisma 75%
Longevita 65%
Grafica 70%
Sonoro 75%
68
Previous post

Kickstarter aggiorna le proprie Terms & Conditions

Next post

Hideo Kojima rivela Solid Wolf

Otosan Otaking

Otosan Otaking

No Comment

Rispondi